La produzione dell’olio d’oliva in Abruzzo risale all’epoca romana. L’arte applicata ai frantoi si tramanda quindi da circa 2000 anni.

Al mondo esistono più 700 varietà di olivi e solo alcuni di questi sono adatti a restituire olio extravergine di ottima qualità.

La maggior parte delle produzioni olivicole abruzzesi discendono da tre varietà: il Gentile di Chieti, la Dritta e il Leccino. A seconda della zona di coltivazione, ogni varietà assume poi una particolare connotazione.

Diventa importante quindi la scelta della tipicità del prodotto, che deve essere legata all’origine geografica, ai metodi di raccolta e lavorazione.

L’Abruzzo presenta ad oggi tre oli DOP: Aprutino-Pescarese, Colline Teatine, Colline teramane-Pretuziano.

Per i veri esperti o per tutti quelli che si vogliono avvicinare alla degustazione di Olvio Extravergine di Oliva Abruzzese, esistono degli itinerari chiamati “Le strade dell’olio abruzzese”. Percorsi tra gli uliveti delle dolci colline abruzzesi, in cui potrete scoprire come la mescolanza di mare, aria, terra e collina può creare un olio eccezionale. Sarà possibile attraversare borghi affascinanti e paesaggi mozzafiato.

Il territorio della provincia di Teramo è conosciuto per essere un’area di produzione di eccellente olio di oliva. Per ottenere la D.O.P. gli extravergini di oliva devono essere composti da una mescolanza di varietà ben precisa.

Dedicare una giornata della propria vacanza a Giulianova per assaggiare e acquistare del buon olio extravergine di oliva può essere una buona scelta. Lasciatevi consigliare dagli abitanti delle colline per trovare l’olio migliore!