La Pinacoteca “Vincenzo Bindi” nel cuore storico di Giulianova

La pinacoteca Bindi a Giulianova

Oltre alla spiaggia e al mare Giulianova ha anche attrazioni culturali. Un ampio ventaglio di luoghi da visitare, per rendere il tuo soggiorno nella località abruzzese ricco e variegato. Tra questi, spicca senza dubbio la Pinacoteca civica “V. Bindi”. Cuore del Polo Museale Civico, la Pinacoteca è un’autentica casa-museo nel cuore di Giulianova.

Nella Pinacoteca civica “V. Bindi”, rivive la storia personale del giurista, storico e umanista giuliese Vincenzo Bindi. Infatti, alla sua morte, nel 1928, egli lasciò al Comune di Giulianova parte dell’antico palazzo di famiglia, in Corso Garibaldi, e una generosa collezione di libri e opere d’arte.

Entrando nella casa-museo, ti puoi immergere negli ambienti quotidiani e puoi sentire l’eco dell’amore tra Vincenzo Bindi e sua moglie Rosa Carelli. Puoi entrare nelle stanze in cui i due coniugi trascorrevano le loro giornate in compagnia di amici intellettuali e artisti. Qui puoi rivivere quegli intensi simposi che animavano le loro giornate, in un’ambientazione ricostruita con il mobilio autentico dell’appartamento.

Oppure, puoi decidere di visitare la grande biblioteca personale del Bindi e lasciarti ammaliare dalla grandiosità degli oltre 5.000 volumi che la compongono.

Il vero fiore all’occhiello della Pinacoteca, però, è indubbiamente la sezione pittorica dei Musei Civici di Giulianova, allestita sul lascito della collezione personale della famiglia Bindi. Un patrimonio artistico che abbraccia tre secoli di pittura abruzzese e napoletana.

Oltre ai grandi artisti abruzzesi dell’Ottocento, la parte più consistente della collezione è indubbiamente legata alla “Scuola di Posillipo”. Il merito è anche di Rosa. Figlia del noto artista napoletano Gonsalvo Carelli, le sue amicizie hanno permesso di far entrare nella collezione d’arte della casa un gran numero di opere appartenenti alla cultura partenopea. Da Sminck van Pitloo a Gigante e Duclère, fino a Gonsalvo e Raffaele Carelli, puoi apprezzare i dipinti di quella scuola che ha rivoluzionato il modo di dipingere i paesaggi nel XIX secolo.

Inoltre, come già detto, la collezione si dipana in un viaggio lungo tre secoli di storia dell’arte, dal Seicento all’Ottocento. Si parte dalle opere seicentesche de Lo Spagnoletto, nome d’arte di Jusepe Ribera, e di Francesco Solimena, per poi proseguire, attraverso il Settecento, con Pompeo Batoni e Vincenzo Camuccini, fino ai grandi lasciti artistici ottocenteschi di pittori quali Domenico Morelli e Vincenzo Gemito.

Riaperta nel luglio del 2021, la visita alla Pinacoteca è un’occasione che non deve sfuggirti: il giusto luogo per poter passare una giornata alla scoperta di uno dei patrimoni artistici più ricchi, importanti e affascinanti della cultura giuliese. Se vuoi saperne di più o programmare una visita, questo è il sito ufficiale della Pinacoteca Civica Bindi.

Con un soggiorno nel nostro Hotel oltre alla vacanza al mare puoi visitare le meraviglie artistiche della Pinacoteca, che si trova nella città alta, nel bellissimo centro storico della cittadina. Non perdere l’opportunità di scoprire il patrimonio culturale di Giulianova.